Oli e grassi per macchine agricole, che casino! - andreabellini.eu
erpice rotante pöttinger
Erpice rotante Pöttinger: parliamo di lubrificazione con il costruttore
Marzo 15, 2021
trinciatrice ferri in azione
Trinciatrice: i consigli di Ferri Srl per la lubrificazione
Maggio 3, 2021

Oli e grassi per macchine agricole, che casino!

agricoltore confuso

La soluzione per semplificare le cose!

Mi metto nei tuoi panni: hai già molte cose a cui pensare e oggi anche la lubrificazione dei mezzi agricoli è diventato un argomento complicato!

Una volta era più semplice

Rimpiangere il passato è una cattiva abitudine ma, riguardo alla lubrificazione, possiamo proprio dirlo… Una volta era molto più semplice!

Tutte le macchine richiedevano più o meno i soliti lubrificanti. Nei componenti idraulici si utilizzava il 46 o il 68, nel motore sempre il 15W40 e per le trasmissioni il 90. Come grasso, un semplice multifunzionale grado 2. Niente impianti centralizzati o cose elettroniche complicate. All’occorrenza qualche olio specifico e stop! Nient’altro da sapere.

La manutenzione era così semplice da non poterti sbagliare!

La lubrificazione moderna in agricoltura

Oggi le cose sono cambiate e sono divenute più complicate. Ciascun trattore necessita di lubrificanti con caratteristiche diverse, a seconda del modello e del costruttore. Per questo motivo, non è sempre possibile utilizzare i medesimi lubrificanti in trattori di marchi differenti. Ad esempio, i trattori John Deere richiedono oli diversi rispetto ai Fendt.

Anche per quanto riguarda le attrezzature agricole moderne (erpici rotanti, falciatrici, falcia-condizionatrici, imballatrici, trinciatrici ecc.) sono necessari lubrificanti particolari, a seconda del tipo di macchina.

Un agricoltore con parco mezzi “multimarca”, per rispettare le specifiche prescritte dal costruttore, è costretto ad avere in azienda molti lubrificanti:

  • 2 o 3 oli motore
  • 2 o 3 oli trasmissione
  • 2 o 3 grassi
  • 1 o 2 oli idraulici
  • 2 o 3 oli per riduttori
  • Altri oli, ad es. olio mungitrice, olio catene, protettivi ecc.

Un bel casino, vero? Fortunatamente non è sempre così.

Un parco mezzi “monomarca”, oppure composto da mezzi “datati”, rende sicuramente le cose più semplici. In futuro, però, l’evoluzione tecnologica delle macchine comporterà inevitabilmente l’utilizzo di lubrificanti sempre più specifici.

Lavoro nel settore agricoltura da qualche anno. Ogni giorno mi sorprendo di quante cose dovete sapere voi agricoltori. Forse anche per questo si dice che “essere un agricoltore è una scelta di vita, non solo una professione”.

olio lubrificazione motore

Come prepararsi alla lubrificazione moderna

A mio parere, ci sono due modi per affrontare questo cambiamento:

  1. Documentarsi sull’argomento
  2. Fare manutenzione in officina

1. Documentarsi sull’argomento

Sei appassionato di mezzi e macchine agricole e ti piace metterci le mani? Ottimo! Puoi informarti sulla lubrificazione e continuare con la manutenzione “fai da te”. Non sarà un percorso semplice, richiede tempo e impegno, ma senz’altro è la scelta più soddisfacente ed economica. In questo modo acquisirai ogni giorno nuove competenze sulle macchine (anche se immagino che già ne saprai parecchio!) e sarai sempre in grado di gestire la manutenzione autonomamente.

Dove trovi le informazioni?

  • Leggi i manuali di uso e manutenzione:
    Sono gratuiti e disponibili per ciascuna macchina. I manuali contengono informazioni dettagliate per svolgere gran parte delle manutenzioni. Purtroppo solo pochi agricoltori leggono i manuali di uso e manutenzione delle macchine.
  • Affidati a collaboratori e fornitori competenti:
    Di frequente in agricoltura riscontro l’utilizzo di lubrificanti non idonei al parco mezzi. Mi riferisco alle specifiche tecniche, non al marchio del prodotto. Questo può comportare l’enorme rischio di perdere la garanzia del costruttore. Sono convinto che tu agricoltore non hai alcuna colpa a riguardo. Accade solitamente per incompetenza del fornitore, che talvolta non è in grado di consigliarti i lubrificanti idonei alle tue macchine. Ti consiglio di valutare molto bene il tuo fornitore. Oggi, è decisamente più conveniente spendere qualche euro in più per il prodotto, a fronte di un consulente preparato e un servizio migliore.
  • Informati sul web, ma presta attenzione:
    Il mio sito rientra in questa categoria. Nonostante ciò, ho lasciato per ultima questa fonte di informazioni. Come mai?
    Perché su internet trovi moltissimi contenuti pubblicitari ma poche informazioni “sane”. Sono praticamente l’unico a tenere un blog su questo argomento. I contenuti che leggi qui si basano principalmente sulle esperienze che vivo ogni giorno con tanti agricoltori come te, ma soprattutto sono gratuiti. Perché lo faccio? Perché mi piace pensare che il mio lavoro sia utile a tanti agricoltori.

2. Fare manutenzione in officina

Ad oggi pochi agricoltori scelgono questa strada. I motivi sono evidenti:

  • Ha un costo nettamente superiore rispetto alla manutenzione “fai da te”
  • Comporta un fermo macchina di ore o giorni
  • È scomodo, specialmente se l’officina è distante

Facendo la manutenzione in officina avrai un unico vantaggio: non ti dovrai occupare di oli e ricambi se non per qualche rabbocco e ingrassaggio. Se non hai voglia o tempo per informarti, oppure semplicemente non ti appassionano i mezzi agricoli, presto l’officina sarà l’unica alternativa.

Conclusioni

Le macchine agricole moderne sono tecnologicamente sempre più evolute. La lubrificazione, di conseguenza, è divenuta molto specifica. Per affrontare questo cambiamento puoi documentarti e scegliere dei fornitori preparati. In questo modo potrai continuare a fare la manutenzione delle tue macchine.

Oppure puoi delegare la manutenzione ad un’officina: risparmierai tempo ma i costi saranno sicuramente molto più alti.

Ci sono ancora molti argomenti che non ho trattato, lo so. Ti chiedo la gentilezza di scrivermi se hai delle esperienze da raccontarmi. Il tuo contributo è importante per me e per le persone che lavorano nel tuo settore.

Iscriviti alla mia newsletter per non perderti il prossimo articolo.

 

Condividi questo articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *