Ti capita spesso di rompere i cardani?

Erpice rotante
Il tuo erpice rotante perde olio?
Marzo 31, 2020
Seminatrice
Sulle catene della tua seminatrice si attacca la polvere?
Aprile 14, 2020
cardano

Ti capita spesso di rompere i cardani?

Ecco come puoi evitare molte rotture ed ingrassaggi frequenti!

 

In agricoltura moltissime attrezzature funzionano con i giunti cardanici. Lo sapevi che con una buona lubrificazione puoi evitare la gran parte delle rotture?

E’ vero, con quelle protezioni a norma di legge, ingrassare il cardano è veramente una noia! 

Personalmente non possiedo un trattore, anche se ammetto che mi pacerebbe 😉 , ma ho visto moltissime volte clienti e amici fare questo lavoro e so che è piuttosto scomodo.

 

Cosa viene usato solitamente per ingrassare i cardani dei mezzi agricoli ?

Nella gran parte delle aziende agricole viene usato un grasso al litio. Lo conosci?

Si tratta del prodotto più comune che puoi trovare in commercio; è un grasso multifunzionale utilizzato per fare un pò di tutto . Non ha particolari prestazioni in nessuna applicazione e generalmente costa poco.

 

Posso riconoscere un grasso al litio dal colore?

No! Non farti mai influenzare dal colore di un grasso, puoi trovare grassi al litio di colore giallo, blu, rosso, verde o marrone. Mi è capitato molte volte di sentire definire il grasso blu come “il grasso buono” ma non è detto che sia cosi. Quello che definisce il rendimento di un grasso è la composizione e non il colore.

Se usi un prodotto di questo tipo devi ingrassare frequentemente e nonostante ciò, probabilmente avrai delle rotture evitabili.

Puoi leggere alcuni approfondimenti sui grassi in questo articolo.

Cosa puoi utilizzare per evitare inutili rotture ed ingrassare con meno frequenza?

I cardani, come altre parti da ingrassare in agricoltura, lavorano con queste condizioni:

  • forte presenza di polvere
  • ampio intervallo di temperature
  • presenza di umidità
  • velocità medio alte

Puoi immaginare che, un grasso generico (grasso al litio), ha una durata nettamente inferiore rispetto ad un prodotto creato appositamente per lavorare in queste condizioni.

I grassi per il settore agricolo:

Esistono prodotti specifici per i cardani e per i mezzi agricoli.

Puoi ottenere ottimi risultati con grassi a base di saponi di alluminio complesso e grassi a base di calcio/litio complesso (si tratta per questi ultimi di grassi a base di saponi di due metalli simultaneamente).

Alcuni grassi specifici contengono additivi solidi. Solitamente in agricoltura il PTFE (teflon). Altri non hanno additivi solidi ma sono anch’essi molto performanti.

Di seguito elenco i grassi che consiglio per i cardani ed i mezzi agricoli:

*puoi consultare le caratteristiche cliccando sui link

Il cardano in agricoltura è tra i punti di ingrassaggio più sollecitati.

Per questo ,utilizzare grassi specifici, ti permette di ridurre notevolmente le rotture ed ingrassare con meno frequenza; ciò si traduce in risparmio economico.

I grassi di cui ti ho parlato sono adatti anche a tutte le altre applicazioni su machine agricole, salvo rare eccezioni.

 

Con quale frequenza devi ingrassare?

Tu che lavori con le macchine lo saprai sicuramente meglio di me!

Io posso dirti con certezza che con un grasso specifico ingrassi con molta meno frequenza rispetto al solito “grasso al litio”.

Ti dico questo in base alla mia esperienza con moltissimi clienti in agricoltura.

 

Come valutare se stai usando un grasso “buono” ?

Oltre alle caratteristiche di composizione sopra descritte (che puoi verificare sulla scheda tecnica), un parametro molto indicativo è il prezzo.

Ad esempio, se ti propongono un grasso a 2/3 euro a cartuccia oppure 80/100 euro a latta da 20Kg, con scarsa probabilità hai di fronte un prodotto ad alto rendimento.

Un lubrificante del tipo descritto sopra costa indicativamente il doppio ma ti permette di risparmiare parecchio sulle rotture.

Puoi leggere altre informazioni interessanti sul settore agricoltura a questa pagina.

Hai trovato utile questo articolo? iscriviti alla mia newsletter e resta aggiornato cliccando qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *